+39 0522 17570
http3 caratteristiche

HTTP3, arriva il nuovo protocollo: ecco le caratteristiche

Il mercato del lavoro richiede alle aziende una connessione internet sempre più veloce, rapida e sicura. Ma come si possono velocizzare e snellire le connessioni, se il mondo del web aumenta quotidianamente?

Il protocollo QUIC è stato introdotto per superare il TCP garantendo una maggiore sicurezza nella navigazione, una maggiore velocità e minori problemi di latenza. Il progetto di sviluppo da parte di Google è iniziato nel 2013, ma è solo nel 2019 che si è iniziato ad implementare su diversi browser, tra cui Chrome e Firefox. Google infatti è in fase di test dal 2015, mentre Facebook dal 2017. QUIC è quindi il nuovo protocollo di trasporto del HTTP/3 che supera in termini di prestazioni l’HTTP/2.

Caratteristiche del HTTP/3

Il protocollo HTTP/2 aveva già portato un importante cambiamento nel mondo delle connessioni web: attraverso l’utilizzo del multiplexing e dell’head-of-line-blocking, aveva notevolmente ridotto i tempi di caricamento delle pagine. L’utilizzo di HTTP/3 determinerà un nuovo importante passo in avanti, attraverso l’utilizzo esclusivo di UDP (User Datagram Protocol), un innovativo sistema di scambio dati che utilizza i datagram per velocizzare le comunicazioni, senza sfruttare meccanismi di conferma.

 

In sintesi quindi, le caratteristiche di HTTP/3 saranno:

  • riduce i tempi di comunicazione;
  • snellisce le congestioni di rete;
  • sfrutta al massimo la banda a disposizione della connessione;
  • funziona attraverso l’utilizzo esclusivo di User Datagram Protocol.

http3 caratteristiche

Differenze tra HTTP/2 e HTTP/3

 

La differenza principale tra HTTP/2 e HTTP/3 è la velocità: HTTP/2 aveva già velocizzato e snellito il processo di caricamento delle pagine, ma HTTP/3 con l’utilizzo di QUIC aumenta ulteriormente la velocità permettendo un dialogo istantaneo con il server con il quale aveva già dialogato in precedenza.

Le connessioni che utilizzano protocolli TCP o TCP+TLS richiedono un percorso più complesso per il caricamento delle pagine, cosa che invece è stata superata con QUIC.

In media, il tempo per visualizzare una pagina con QUIC è un terzo inferiore rispetto a quello che serve con un altro tipo di connessione.

Per quanto riguarda i tempi di implementazione di tale protocollo su larga scala, non ci sono ancora dati certi: alcuni big player del mondo del web come Google e Facebook lo hanno già testato, ma è ancora ampiamente diffuso il protocollo HTTP/2, pertanto si dovrà attendere ancora un po’ di tempo, prima di rendere l’HTTP/3 una prassi.